I giovani e la società multimediale: una duplice narrazione?