Caro ministro, ci lasci il gusto di leggere