“Potestà genitoriale” e autodeterminazione dei figli