Reticolarità digitale e cosmopolitismo del quotidiano. Suggestioni per una pedagogia dell'inclusione