Oltre gli orizzonti “ristretti”. ovvero l’importanza della formazione delle soggettività nei contesti speciali