Il Rinascimento e il suo doppio. De Sanctis, Carducci e Burckhardt