Citazione e negazione del "Piacere": da Capuana a Baldini