Di Giacomo e C., ovvero la poetica dell'interferenza