Frammenti e dettagli: L'interazione uomo-computer come sense making