La grande bellezza: civitas e identità fra macerie e futuribile