Il contributo analizza in chiave critica e antiespressionista da una prospettiva spaziale/geografica il racconto Tubutsch dello scrittore ebreo-viennese Albert Ehrenstein, ritenuto tra i maggiori esponenti di spicco dell'avanguardia austriaca. In particolare si evidenzia nell'estetica di Ehrenstein la creazione di un Terzo spazio (Soja) tra distruzione dello spazio della realtà e costruzione letteraria di una realtà utopica in cui si ripete all'infinito la fuga del protagonista dall'eterno ritorno dell'uguale della modernità

Überhaupt ist es ganz gleichgültig, wohin wir reisen". Raumzerstörung und Raumschöpfung in Albert Ehrensteins (anti)expressionistischer Erzählung "Tubutsch"

Paola Paumgardhen
2020

Abstract

Il contributo analizza in chiave critica e antiespressionista da una prospettiva spaziale/geografica il racconto Tubutsch dello scrittore ebreo-viennese Albert Ehrenstein, ritenuto tra i maggiori esponenti di spicco dell'avanguardia austriaca. In particolare si evidenzia nell'estetica di Ehrenstein la creazione di un Terzo spazio (Soja) tra distruzione dello spazio della realtà e costruzione letteraria di una realtà utopica in cui si ripete all'infinito la fuga del protagonista dall'eterno ritorno dell'uguale della modernità
978-88-95868-51-6
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/18950
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact