L'angelo e il gobbo: l'ubiquità riflessa del corpo di Palazzeschi