"Sembra mio figlio" di Costanza Quatriglio, una lezione di cinema e di morale