"Paterson" di Jim Jarmusch, il fascino discreto della poesia al cinema