Bill Viola, il Rinascimento che si fa videoarte