Un genere “anacronistico”: la riscrittura martiriale tra IX e X secolo