Lo scritto è occasione per introdurre il vivente/danzante nel lessico pedagogico e legittimare la matrice cinetica e tattile delle pratiche del formare/formarsi. in questa prospettiva, il movimento è riproposto come dimensione mobile e performativa dell’abitare il mondo e qualità tattile dell’ex-istere, da declinare con le figure professionali dell’educazione e della formazione. Si tratta di rintracciare l’origine di una pedagogia dell’azione che guarda al movimento permanente come costitutivo della natura danzante ed “esposta” dell’essere e che fa del gesto danzante lo spazio del vivere e del continuo formare/formarsi. La danza assume dunque valore paradigmatico per una teoria e pratica pedagogica incarnata e costituisce un vero e proprio “ambiente” nel quale situare e ripensare l’agire educativo e formativo, secondo una plastica sensibile che investe corpi e spazi, insieme.

The paper introduces the living/dancing in the pedagogical lexicon to legitimize the kinetic and tactile matrix of the practices of forming/self-forming. in this perspective, movement is reproposed as a mobile and performative dimension of inhabiting the world and as a modus of making oneself space of bodies and of making oneself body of spaces, which is a tactile quality of ex-being. So, this paper traces the origin of a pedagogy of action that looks at permanent movement as a constitutive element of dancing and “exposed” nature of being and makes the dancing gesture the space of living and of continuous forming/self-forming. Therefore, dance assumes a paradigmatic value for an embodied pedagogical theory and practice and constitutes a real “environment” in which to situate and rethink the educational and for-mative action, according to a sensitive plasticity that invests bodies and spaces together.

Spazio al vivente come danzante. Tracce ed emergenze dalla ricerca pedagogica.

Maria D'Ambrosio
2021-01-01

Abstract

Lo scritto è occasione per introdurre il vivente/danzante nel lessico pedagogico e legittimare la matrice cinetica e tattile delle pratiche del formare/formarsi. in questa prospettiva, il movimento è riproposto come dimensione mobile e performativa dell’abitare il mondo e qualità tattile dell’ex-istere, da declinare con le figure professionali dell’educazione e della formazione. Si tratta di rintracciare l’origine di una pedagogia dell’azione che guarda al movimento permanente come costitutivo della natura danzante ed “esposta” dell’essere e che fa del gesto danzante lo spazio del vivere e del continuo formare/formarsi. La danza assume dunque valore paradigmatico per una teoria e pratica pedagogica incarnata e costituisce un vero e proprio “ambiente” nel quale situare e ripensare l’agire educativo e formativo, secondo una plastica sensibile che investe corpi e spazi, insieme.
The paper introduces the living/dancing in the pedagogical lexicon to legitimize the kinetic and tactile matrix of the practices of forming/self-forming. in this perspective, movement is reproposed as a mobile and performative dimension of inhabiting the world and as a modus of making oneself space of bodies and of making oneself body of spaces, which is a tactile quality of ex-being. So, this paper traces the origin of a pedagogy of action that looks at permanent movement as a constitutive element of dancing and “exposed” nature of being and makes the dancing gesture the space of living and of continuous forming/self-forming. Therefore, dance assumes a paradigmatic value for an embodied pedagogical theory and practice and constitutes a real “environment” in which to situate and rethink the educational and for-mative action, according to a sensitive plasticity that invests bodies and spaces together.
epistemology of the living, performing practices, pedagogy of action, sensitive education, tactility.
epistemologia del vivente, pratiche performative, pedagogia dell’azione, educazione sensibile, tattilità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12570/29593
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact