Una "Venere" del giovane Beccafumi e un'"Eva" del Brescianino