Il cinema «bianco» di Aki Kaurismaki