Questo contributo appare nel primo volume di una vasta ricerca dedicata al tema del popolo (Il governo del popolo. I. Dall'antico Regime alla Rivoluzione) e si colloca significativamente nella prima parte del volume stesso: "Prima della Rivoluzione. Il popolo escluso". Questa premessa spiega in parte il taglio che si è voluto dare all'analisi di un tema non marginale del complesso pensiero fisiocratico. Ci si pone cioè la questione della proprietà (come regime dei beni e come accesso al diritto), profondamente ripensata e riorganizzata dalla scuola fisiocratica, quale parametro della transizione da un regime all'altro. Gli elementi rilevabili dalle fonti dirette e dalla letteratura in materia suggeriscono di non disperdere la complessità, quasi l'ambigua sospensione fra antico e moderno, del problema: i temi della concentrazione della proprietà privata, dello statuto rappresentativo dei proprietari terrieri e dello sfruttamento economico della terra alludono alla proprietà fisiocratica non ancora quale luogo della rappresentanza di nuove istante di partecipazione al regime economico e politico, ma soprattutto come leva strategica di un potere sovrano ancora saldamente concentrato in figure tipiche dell'Ancien Régime.

Brevi note su proprietà e rappresentanza nel pensiero fisiocratico

LABRIOLA, Giulia Maria
2011

Abstract

Questo contributo appare nel primo volume di una vasta ricerca dedicata al tema del popolo (Il governo del popolo. I. Dall'antico Regime alla Rivoluzione) e si colloca significativamente nella prima parte del volume stesso: "Prima della Rivoluzione. Il popolo escluso". Questa premessa spiega in parte il taglio che si è voluto dare all'analisi di un tema non marginale del complesso pensiero fisiocratico. Ci si pone cioè la questione della proprietà (come regime dei beni e come accesso al diritto), profondamente ripensata e riorganizzata dalla scuola fisiocratica, quale parametro della transizione da un regime all'altro. Gli elementi rilevabili dalle fonti dirette e dalla letteratura in materia suggeriscono di non disperdere la complessità, quasi l'ambigua sospensione fra antico e moderno, del problema: i temi della concentrazione della proprietà privata, dello statuto rappresentativo dei proprietari terrieri e dello sfruttamento economico della terra alludono alla proprietà fisiocratica non ancora quale luogo della rappresentanza di nuove istante di partecipazione al regime economico e politico, ma soprattutto come leva strategica di un potere sovrano ancora saldamente concentrato in figure tipiche dell'Ancien Régime.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/3084
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact