E’ da molto tempo che i culti e le pratiche devozionali sono entrati a fare parte delle questioni trattate dagli storici come luogo di analisi del popolare, ma anche come segno e modello delle identità condivise e delle dinamiche dei rapporti sociali delle comunità. E’ in questa prospettiva che si pone la ricerca svolta attraverso una inedita documentazione inquisitoriale conservata nell’Archivio della Congregazione per la Dottrina della Fede in Vaticano che riguarda i teatini di Napoli impegnati nel 1615 a promuovere il legame devozionale dei fedeli della capitale con i campioni della fede scelti tra i confratelli per rappresentare il modello eroico della Controriforma. Le abitudini devozionali dei credenti e l’impegno istituzionale dei Chierici Regolari sono stati utilizzati per leggere presenze e ruoli interni all’organizzazione del tessuto sociale della città e le relazioni che, da Napoli, si estendevano agli ambienti della Curia e ai vertici dell’ordine e tra questi e le autorità diocesane partenopee.

Politica della santità e costruzione dei culti. I rapporti tra i Teatini di Napoli e il Sant’Uffizio

FIORELLI, Vittoria
2008

Abstract

E’ da molto tempo che i culti e le pratiche devozionali sono entrati a fare parte delle questioni trattate dagli storici come luogo di analisi del popolare, ma anche come segno e modello delle identità condivise e delle dinamiche dei rapporti sociali delle comunità. E’ in questa prospettiva che si pone la ricerca svolta attraverso una inedita documentazione inquisitoriale conservata nell’Archivio della Congregazione per la Dottrina della Fede in Vaticano che riguarda i teatini di Napoli impegnati nel 1615 a promuovere il legame devozionale dei fedeli della capitale con i campioni della fede scelti tra i confratelli per rappresentare il modello eroico della Controriforma. Le abitudini devozionali dei credenti e l’impegno istituzionale dei Chierici Regolari sono stati utilizzati per leggere presenze e ruoli interni all’organizzazione del tessuto sociale della città e le relazioni che, da Napoli, si estendevano agli ambienti della Curia e ai vertici dell’ordine e tra questi e le autorità diocesane partenopee.
978-88-568-0448-5
Inquisizione; Napoli; storia sociale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/3179
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact