Profilo dell'arte del Trecento in Basilicata, teso a dimostrare, fuori dagli schemi tradizionali, il carattere "aperto" della cultura figurativa lucana di quel tempo, fra rapporti con la capitale angioina, Napoli, iniziative degli ordini religiosi e dei feudatari, e collegamenti con la Puglia, il principato di Taranto, l'Oriente bizantino.

Arti figurative: il Trecento

LEONE DE CASTRIS, Pierluigi
2006

Abstract

Profilo dell'arte del Trecento in Basilicata, teso a dimostrare, fuori dagli schemi tradizionali, il carattere "aperto" della cultura figurativa lucana di quel tempo, fra rapporti con la capitale angioina, Napoli, iniziative degli ordini religiosi e dei feudatari, e collegamenti con la Puglia, il principato di Taranto, l'Oriente bizantino.
88-420-7509-4
Basilicata, arte XIV secolo; Angioina, cultura; Chiese rupestri
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/3210
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact