A margine de “I pittori alla corte angioina. Maso di Banco e Roberto d’Oderisio, in Napoli