Tecnologie di integrazione o tecnologie di esibizione? Sulle estetiche del grande schermo