Le parole della critica, tra Vasari e Lanzi