Analisi dei rapporti tra il pittore bergamasco Giovan Battista Spinelli, trapiantato in Abruzzo, e la pittura napoletana di metà Seicento, fondato sulle risultanze della ricerca archivistica e sulle testimonianze dunque concrete della presenza di Spinelli a Napoli, nonché su una serie di opere, alcune delle quali qui riferite all'artista per la prima volta, che volta a volta rimandano alla conoscenza della pittura di Battistello Caracciolo, Massimo Stanzione e Andrea Vaccaro.

La formazione di Giovan Battista Spinelli e il rapporto con la cultura napoletana

LEONE DE CASTRIS, Pierluigi
2010

Abstract

Analisi dei rapporti tra il pittore bergamasco Giovan Battista Spinelli, trapiantato in Abruzzo, e la pittura napoletana di metà Seicento, fondato sulle risultanze della ricerca archivistica e sulle testimonianze dunque concrete della presenza di Spinelli a Napoli, nonché su una serie di opere, alcune delle quali qui riferite all'artista per la prima volta, che volta a volta rimandano alla conoscenza della pittura di Battistello Caracciolo, Massimo Stanzione e Andrea Vaccaro.
978-88-8016-958-1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/3452
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact