Il saggio indaga in prospettiva nuova un tema ampiamente noto alla critica novecentesca: la città futurista. Attraverso l’analisi della produzione letteraria dei principali esponenti del movimento si dimostra che la rappresentazione urbana futurista non si esaurisce nella linea velocità-progresso, né si può ricondurre in modo esclusivo al mito delle capitali moderne cantate fin dal manifesto di fondazione. A questa immagine tradizionale si affianca una proficua rilettura dei topoi paesaggistici simbolistico-crepuscolari, proposta da vari autori di avanguardia; tra i testi analizzati si distingue una pressoché sconosciuta “Sintesi meccanica di Bruges” pubblicata nel 1931 da Marinetti.

Le città del silenzio e la poetica del rumore

BUFACCHI, EMANUELA
2011

Abstract

Il saggio indaga in prospettiva nuova un tema ampiamente noto alla critica novecentesca: la città futurista. Attraverso l’analisi della produzione letteraria dei principali esponenti del movimento si dimostra che la rappresentazione urbana futurista non si esaurisce nella linea velocità-progresso, né si può ricondurre in modo esclusivo al mito delle capitali moderne cantate fin dal manifesto di fondazione. A questa immagine tradizionale si affianca una proficua rilettura dei topoi paesaggistici simbolistico-crepuscolari, proposta da vari autori di avanguardia; tra i testi analizzati si distingue una pressoché sconosciuta “Sintesi meccanica di Bruges” pubblicata nel 1931 da Marinetti.
978-88-9588-431-8
Futurismo, Metropoli moderna, Simbolismo, Crepuscolarismo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/3498
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact