Un altro dipinto firmato di Giovanni Stefano Maja, e qualche pensiero sui genovesi a Napoli nel primo Seicento