Sulla presenza di Camillo Mariani a Napoli e la decorazione marmorea di San Paolo Maggiore