Saggio sulla committenza di codici miniati nella Napoli del primo Viceregno, centrata sugli artisti, in prevalenza spagnoli -come il presunto Pedro de Aponte o il giovane Pedro Machuca- che lavorarono per il sovrano Ferdinando il Cattolico, per il suo entourage e per il grande mecenate e bibliofilo Andrea Matteo Acquaviva.

I codici miniati e la corte viceregnale di Napoli (1503-1517)

LEONE DE CASTRIS, Pierluigi
2001

Abstract

Saggio sulla committenza di codici miniati nella Napoli del primo Viceregno, centrata sugli artisti, in prevalenza spagnoli -come il presunto Pedro de Aponte o il giovane Pedro Machuca- che lavorarono per il sovrano Ferdinando il Cattolico, per il suo entourage e per il grande mecenate e bibliofilo Andrea Matteo Acquaviva.
Napoli, miniatura inizi XVI secolo; Aponte, Pedro de; Machuca, Pedro
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/3939
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact