Una nuova prospettiva sul secondo Seicento