Su alcuni presupposti della teoria realista dell'interpretazione