Proprietà: origine dei mali o garanzia di libertà?