Merlau-Ponty tactility and Deleuze and Guattari non-linearity are basic concepts for a real-time experimentation we use to connect Arts, Technologies and Education. Thanks to Docebo saas that support research ‘digital space makes school. Learning and education at web 3.0 time’ - that involves schools (primary and secondary schools) and their ordinary activities, research is a ‘site specific’ experience that choose school context to study how is possible to innovate learning and teaching introducing a ‘tactile’ use of physical and digital spaces; and to create and to make a ‘cognitive space’ integrating learning and e-learning practices; a real time scene based on tactility and non-gravity – in collaboration with Altro Equipe, to develop a new Docebo Learning Management System called ‘Docebo school’ based on tactile method and performing and embodied methodologies.

Nel quadro di una metodologia (della ricerca e dell’intervento pedagogico) ‘embodied’, lo scritto presenta una sintesi dei risultati prodotti nell’ambito della ricerca ‘digital space makes school. Apprendimento e formazione al tempo del web 3.0’ – finanziata da Docebo sas – con particolare riferimento alla sperimentazione del workshop ‘sistema roteanza antigravitazionale’ e quindi alla connessione con la ricerca di Altroequipe. Il workshop ha reso possibile sperimentare l’uso di uno spazio di apprendimento ‘ibrido’, generato dalla continua interazione, in tempo reale, tra spazio fisico e spazio digitale, e tra principio lineare e principio reticolare e circolare, così da poter attualizzare una certa epistemologia elettrica e ‘incarnare’ una pedagogia capace di rendere ‘interattivo’ e ‘mobile’ ciascun ‘agente’ coinvolto nella performance (agente, partecipe della comunità e del processo di apprendimento generato).

Electric Pedagogy. Hybrid environment as cognitive educational space

D'AMBROSIO, Maria
2014

Abstract

Nel quadro di una metodologia (della ricerca e dell’intervento pedagogico) ‘embodied’, lo scritto presenta una sintesi dei risultati prodotti nell’ambito della ricerca ‘digital space makes school. Apprendimento e formazione al tempo del web 3.0’ – finanziata da Docebo sas – con particolare riferimento alla sperimentazione del workshop ‘sistema roteanza antigravitazionale’ e quindi alla connessione con la ricerca di Altroequipe. Il workshop ha reso possibile sperimentare l’uso di uno spazio di apprendimento ‘ibrido’, generato dalla continua interazione, in tempo reale, tra spazio fisico e spazio digitale, e tra principio lineare e principio reticolare e circolare, così da poter attualizzare una certa epistemologia elettrica e ‘incarnare’ una pedagogia capace di rendere ‘interattivo’ e ‘mobile’ ciascun ‘agente’ coinvolto nella performance (agente, partecipe della comunità e del processo di apprendimento generato).
978-88-6194-227-1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/4554
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact