Varianti d’autore negli epistolari: il caso Ungaretti