Su Giovanni Demio nell’Italia meridionale ed i suoi rapporti con la pittura e la committenza napoletana