Lampi grevi. O dell'osceno democratico in Aristofane