Dall’ “emergenza” al progetto terapeutico