Il presente contributo ha ad oggetto il tema delle dichiarazioni anticipate di trattamento, ovvero dichiarazioni rese in forma scritta da un soggetto, in stato di piena capacità di intendere e di volere, circa la propria volontà di attivare o meno determinati trattamenti sanitari in previsione di un’eventuale futura perdita della coscienza dovuta ad una qualsiasi causa. Il profilo maggiormente critico e problematico dell’istituto riguarda le scelte di fine vita o il rifiuto di cure di sostegno vitale quali il ventilatore meccanico o l’idratazione e alimentazione artificiali. Su tali tematiche e problematiche, e sul più generale “diritto a morire con dignità”, si aprono i dilemmi più ardui rispetto al quadro dei principi costituzionali e si è sviluppato, nel nostro Paese, un intenso dibattito pubblico più che trentennale, spesso connotato da aspre contrapposizioni, che ha coinvolto anche la riflessione bioetica e medica. Tale confronto ha condotto alla necessità dell’approvazione di una legge sul fine vita e sulle dichiarazioni anticipate di trattamento: il presente studio esamina il disegno di legge in corso di approvazione alle Camere su disposizioni in materia di alleanza terapeutica, di consenso informato e di dichiarazioni anticipate di trattamento, proponendosi di evidenziare profili critici alla luce dei principi costituzionali della disciplina e di suggerire, ove possibile, qualche proposta di miglioramento.

La disciplina sulle dichiarazioni anticipate di trattamento tra tutela della vita, principio di autodeterminazione terapeutica e dignità umana

CRISTIANO, Raffaella
2012-01-01

Abstract

Il presente contributo ha ad oggetto il tema delle dichiarazioni anticipate di trattamento, ovvero dichiarazioni rese in forma scritta da un soggetto, in stato di piena capacità di intendere e di volere, circa la propria volontà di attivare o meno determinati trattamenti sanitari in previsione di un’eventuale futura perdita della coscienza dovuta ad una qualsiasi causa. Il profilo maggiormente critico e problematico dell’istituto riguarda le scelte di fine vita o il rifiuto di cure di sostegno vitale quali il ventilatore meccanico o l’idratazione e alimentazione artificiali. Su tali tematiche e problematiche, e sul più generale “diritto a morire con dignità”, si aprono i dilemmi più ardui rispetto al quadro dei principi costituzionali e si è sviluppato, nel nostro Paese, un intenso dibattito pubblico più che trentennale, spesso connotato da aspre contrapposizioni, che ha coinvolto anche la riflessione bioetica e medica. Tale confronto ha condotto alla necessità dell’approvazione di una legge sul fine vita e sulle dichiarazioni anticipate di trattamento: il presente studio esamina il disegno di legge in corso di approvazione alle Camere su disposizioni in materia di alleanza terapeutica, di consenso informato e di dichiarazioni anticipate di trattamento, proponendosi di evidenziare profili critici alla luce dei principi costituzionali della disciplina e di suggerire, ove possibile, qualche proposta di miglioramento.
978-88-88102-94-8
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12570/4803
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact