Sul possibile significato di alcune stereotipie motorie