Volume, scritto insieme a Paola Giusti, sulla pittura a Napoli e nel Meridione d'Italia nel primo quarantennio del Cinquecento, tra presenze di artisti forestieri come Cesare da Sesto, Giovan Francesco Penni, Pedro Machuca e Polidoro da Caravaggio, e artisti locali come Andrea Sabatini da Salerno, Giovan Filippo Criscuolo o Marco Cardisco, anch'essi coinvolti nella fortuna della "maniera moderna" e in un stretto rapporto con Roma, con la ricostruzione dei profili di alcuni pittori sinora poco noti, come Agostino Tesauro o Severo Ierace.

Pittura del Cinquecento a Napoli. 1510-1540. Forastieri e regnicoli

LEONE DE CASTRIS, Pierluigi;
1988

Abstract

Volume, scritto insieme a Paola Giusti, sulla pittura a Napoli e nel Meridione d'Italia nel primo quarantennio del Cinquecento, tra presenze di artisti forestieri come Cesare da Sesto, Giovan Francesco Penni, Pedro Machuca e Polidoro da Caravaggio, e artisti locali come Andrea Sabatini da Salerno, Giovan Filippo Criscuolo o Marco Cardisco, anch'essi coinvolti nella fortuna della "maniera moderna" e in un stretto rapporto con Roma, con la ricostruzione dei profili di alcuni pittori sinora poco noti, come Agostino Tesauro o Severo Ierace.
88-435-2606-5
Napoli, pittura XVI secolo; Sabatini, Andrea da Salerno; Polidoro da Caravaggio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/4966
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact