Dalla modernità alla globalizzazione. Su un diritto ‘di una specie nuova’