Catalogo della mostra (Napoli, Castel S.Elmo, 22 ottobre 1994-22 maggio 1995) organizzata allo scopo di ricostruire il nucleo dell'antica raccolta della famiglia d'Avalos donata nel 1862 allo Stato italiano da Alfonso d'Avalos e poi in parte divisa tra varie sedi museali e istituzionali. Sulla base degli inventari e del riconoscimento delle opere si focalizza l'attenzione soprattutto sulla collezione seicentesca di Andrea d'Avalos principe di Montesarchio, caratterizzata da un gusto per le "favole" profane, i nudi, la mitologia, e ricca di tele di Stanzione, Ribera, Pacecco De Rosa, Luca Giordano, nonché di grandi nature morte di Giuseppe Recco e Abraham Brueghel.

I tesori dei d'Avalos. Committenza e collezionismo di una grande famiglia napoletana

LEONE DE CASTRIS, Pierluigi
1994

Abstract

Catalogo della mostra (Napoli, Castel S.Elmo, 22 ottobre 1994-22 maggio 1995) organizzata allo scopo di ricostruire il nucleo dell'antica raccolta della famiglia d'Avalos donata nel 1862 allo Stato italiano da Alfonso d'Avalos e poi in parte divisa tra varie sedi museali e istituzionali. Sulla base degli inventari e del riconoscimento delle opere si focalizza l'attenzione soprattutto sulla collezione seicentesca di Andrea d'Avalos principe di Montesarchio, caratterizzata da un gusto per le "favole" profane, i nudi, la mitologia, e ricca di tele di Stanzione, Ribera, Pacecco De Rosa, Luca Giordano, nonché di grandi nature morte di Giuseppe Recco e Abraham Brueghel.
88-85346-31-6
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/5027
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact