Il pensiero politico-giuridico di Dante nella critica del Novecento