Oggetto principale del volume è un’indagine sul complesso e talora contraddittorio legame che unisce la riflessione delle scienze umane in generale e della sociologia in particolare allo spazio antropico e alle pratiche e ai dispositivi relativi alla sua costruzione sociale. Ove non sia direttamente impegnata a tracciare col compasso del cartografo i confini etnico-culturali dei fenomeni sociali, la sociologia odierna rivela spesso una vera e propria impotenza, come incapacità di penetrare, comprendere e spiegare il reale se non nella forma puramente tautologica della sua opacizzazione. La prima parte del saggio offre una decostruzione della nozione di spazio nel senso comune e nelle rappresentazioni filosofiche e scientifiche a partire dal mondo antico essenzialmente ispirata alla prospettiva metodologico-critica di Miche Foucault. Successivamente, l’autore ricostruisce –soprattutto attraverso il contributo di autori quali Simmel, Lefebvre e Bourdieu- la lenta evoluzione da una “sociologia degli spazi” a una “sociologia dello spazio”, capace di una tensione critica ed euristica verso quel principium divisionis alla base dell’ambiguo rapporto tra spazio e potere. Conclude la riflessione l’esame di un “caso” che ha avuto in tempi recentissimi un forte impatto mediatico: la cosiddetta “emergenza dei rifiuti” a Napoli e in Campania, interpretata qui come vicenda emblematica del rapporto tra spazio fisico e spazio simbolico-sociale, tra gestione del territorio e gestione delle popolazioni.

TOPOGRAFIE SOCIALI. Territorio, popolazione e rifiuti: il caso della Campania

PETRILLO, Antonio
2008

Abstract

Oggetto principale del volume è un’indagine sul complesso e talora contraddittorio legame che unisce la riflessione delle scienze umane in generale e della sociologia in particolare allo spazio antropico e alle pratiche e ai dispositivi relativi alla sua costruzione sociale. Ove non sia direttamente impegnata a tracciare col compasso del cartografo i confini etnico-culturali dei fenomeni sociali, la sociologia odierna rivela spesso una vera e propria impotenza, come incapacità di penetrare, comprendere e spiegare il reale se non nella forma puramente tautologica della sua opacizzazione. La prima parte del saggio offre una decostruzione della nozione di spazio nel senso comune e nelle rappresentazioni filosofiche e scientifiche a partire dal mondo antico essenzialmente ispirata alla prospettiva metodologico-critica di Miche Foucault. Successivamente, l’autore ricostruisce –soprattutto attraverso il contributo di autori quali Simmel, Lefebvre e Bourdieu- la lenta evoluzione da una “sociologia degli spazi” a una “sociologia dello spazio”, capace di una tensione critica ed euristica verso quel principium divisionis alla base dell’ambiguo rapporto tra spazio e potere. Conclude la riflessione l’esame di un “caso” che ha avuto in tempi recentissimi un forte impatto mediatico: la cosiddetta “emergenza dei rifiuti” a Napoli e in Campania, interpretata qui come vicenda emblematica del rapporto tra spazio fisico e spazio simbolico-sociale, tra gestione del territorio e gestione delle popolazioni.
978-88-88991-83-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/5107
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact