Terza monografia di una trilogia dedicata al mito delle sirene (La Santa e la Sirena. Sul mito di fondazione di Napoli 2005; L’enigma delle sirene. Due corpi un nome 2009). L’autrice in questa monografia ha ampliato le ricerche precedenti giungendo fino alla contemporaneità. Analizzando sincronicamente l’immaginario sulle sirene giunto fino alla contemporaneità e i diversi modi in cui questo repertorio di segni e di miti, nella accezione data a questi termini da Antonino Buttitta, viene metabolizzato dalla cultura occidentale e globale contemporanee. L’originalità del volume sta nell’aver dimostrato con argomentazione teorica a metà tra semiotica e antropologia, che queste figure mitiche transculturali funzionano storicamente e antropologicamente come un «significante fluttuante», nel senso attribuito a questa categoria mitica da Claude Lévi-Strauss in Antropologia Strutturale I e II. L’approccio metodologico dell’autrice contempera la teoria sul mito sviluppata dalla scuola strutturalista, l’antropologia storica à la Edward Evans Evans-Pritchard e Marshall Sahlins, insieme all’analisi riflessiva della cultura come testo sviluppata tra gli altri da Clifford Geertz. Un approccio sinergico fra diverse correnti antropologiche che ha consentito all’autrice di interpretare il vasto patrimonio narratologico sulle sirene (mito, fiaba, cartoons, fiction, cinema, storia) in una chiave di lettura nuova rispetto alla saggistica sul tema già esistente a livello internazionale, perlopiù concentrata sulla ricostruzione filologica, antichistica o archeologica. Ma mai sulla fruizione contemporanea di queste figure del mito antico.

Sirene. La seduzione dall'antichità ad oggi.

MORO, Elisabetta
2019

Abstract

Terza monografia di una trilogia dedicata al mito delle sirene (La Santa e la Sirena. Sul mito di fondazione di Napoli 2005; L’enigma delle sirene. Due corpi un nome 2009). L’autrice in questa monografia ha ampliato le ricerche precedenti giungendo fino alla contemporaneità. Analizzando sincronicamente l’immaginario sulle sirene giunto fino alla contemporaneità e i diversi modi in cui questo repertorio di segni e di miti, nella accezione data a questi termini da Antonino Buttitta, viene metabolizzato dalla cultura occidentale e globale contemporanee. L’originalità del volume sta nell’aver dimostrato con argomentazione teorica a metà tra semiotica e antropologia, che queste figure mitiche transculturali funzionano storicamente e antropologicamente come un «significante fluttuante», nel senso attribuito a questa categoria mitica da Claude Lévi-Strauss in Antropologia Strutturale I e II. L’approccio metodologico dell’autrice contempera la teoria sul mito sviluppata dalla scuola strutturalista, l’antropologia storica à la Edward Evans Evans-Pritchard e Marshall Sahlins, insieme all’analisi riflessiva della cultura come testo sviluppata tra gli altri da Clifford Geertz. Un approccio sinergico fra diverse correnti antropologiche che ha consentito all’autrice di interpretare il vasto patrimonio narratologico sulle sirene (mito, fiaba, cartoons, fiction, cinema, storia) in una chiave di lettura nuova rispetto alla saggistica sul tema già esistente a livello internazionale, perlopiù concentrata sulla ricostruzione filologica, antichistica o archeologica. Ma mai sulla fruizione contemporanea di queste figure del mito antico.
978-88-15-28414-3
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/5167
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact