Il visto e il visibile. Sul comico nel cinema