Testo, traduzione, commento e note al più famoso poema epico della letteratura tedesca mediolatina. In particolare, il paratesto punta a evidenziare le capacità dell'anonimo autore (Eccheardo I di San Gallo?) di padroneggiare la grande poesia latina classica e tardoantica, e la sua capacità di utilizzare le saghe popolari (da Attila ai Nibelunghi) nell'elaborazione di un testo letteralmente "nuovo" e dirompemte nella letteratura latina medievale.

Waltharius. Epica e saga tra Virgilio e i Nibelunghi

D'ANGELO, Edoardo
1998

Abstract

Testo, traduzione, commento e note al più famoso poema epico della letteratura tedesca mediolatina. In particolare, il paratesto punta a evidenziare le capacità dell'anonimo autore (Eccheardo I di San Gallo?) di padroneggiare la grande poesia latina classica e tardoantica, e la sua capacità di utilizzare le saghe popolari (da Attila ai Nibelunghi) nell'elaborazione di un testo letteralmente "nuovo" e dirompemte nella letteratura latina medievale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/5295
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact