Prima monografia sul grande scultore e medaglista Gian Cristoforo Romano, elogiato dalle fonti coeve come il maggior artista in questo campo, insieme a Michelangelo, nella Roma di Giulio II, poeta, musico, cortigiano, conoscitore riconosciuto di antichità classiche, collezionista, corrispondente e uomo di fiducia di Isabella d'Este, da lui ritratta in marmo e in medaglia e la cui raccolta antiquaria egli avrebbe arricchito di pezzi importanti. Pur nell'ambito di una ricostruzione complessiva della carriera di quest'artista fra le corti di Urbino, Ferrara, Milano e Mantova, il libro si propone di indagare l'ignorato passaggio di Gian Cristoforo da Roma a Napoli, attorno al 1506, il suo rapporto e la sua incidenza col panorama artistico locale e i suoi rapporti con la committenza napoletana e spagnola nei primi anni del Viceregno.

Studi su Gian Cristoforo Romano

LEONE DE CASTRIS, Pierluigi
2010

Abstract

Prima monografia sul grande scultore e medaglista Gian Cristoforo Romano, elogiato dalle fonti coeve come il maggior artista in questo campo, insieme a Michelangelo, nella Roma di Giulio II, poeta, musico, cortigiano, conoscitore riconosciuto di antichità classiche, collezionista, corrispondente e uomo di fiducia di Isabella d'Este, da lui ritratta in marmo e in medaglia e la cui raccolta antiquaria egli avrebbe arricchito di pezzi importanti. Pur nell'ambito di una ricostruzione complessiva della carriera di quest'artista fra le corti di Urbino, Ferrara, Milano e Mantova, il libro si propone di indagare l'ignorato passaggio di Gian Cristoforo da Roma a Napoli, attorno al 1506, il suo rapporto e la sua incidenza col panorama artistico locale e i suoi rapporti con la committenza napoletana e spagnola nei primi anni del Viceregno.
978-88-97083-15-3
Gian Cristoforo Romano; Ganti, Gian Cristoforo; Scultura italiana del Rinascimento; Medaglie, XV-XVI secolo; Napoli, scultura
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/5333
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact