Il più che trentennale carteggio tra Gerardo Laurini (Tito, 1858 - Napoli, 1939), l'ultimo discepolo di Francesco De Sanctis, e Benedetto Croce, il primo vero esegeta del critico irpino, documenta un passaggio decisivo per la storia della cultura italiana tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento. II carteggio è corredato da un saggio introduttivo, in cui viene ricostruita la vicenda biografica e intellettuale di Laurini, finora ignota, e da due appendici, che raccolgono le lettere indirizzate dal lucano a Giosuè Carducci e un'antologia dei suoi scritti più significativi.

Carteggio Croce-Laurini, con un’appendice di scritti di Gerardo Laurini

GENOVESE, Gianluca
2005

Abstract

Il più che trentennale carteggio tra Gerardo Laurini (Tito, 1858 - Napoli, 1939), l'ultimo discepolo di Francesco De Sanctis, e Benedetto Croce, il primo vero esegeta del critico irpino, documenta un passaggio decisivo per la storia della cultura italiana tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento. II carteggio è corredato da un saggio introduttivo, in cui viene ricostruita la vicenda biografica e intellettuale di Laurini, finora ignota, e da due appendici, che raccolgono le lettere indirizzate dal lucano a Giosuè Carducci e un'antologia dei suoi scritti più significativi.
88-7088-488-0
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12570/5336
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
social impact